Blog di Adria. Fai sentire la tua voce!

Se vuoi scrivere news, notizie, eventi, foto, video, contattaci

Immagina che tutti vivano la loro vita in pace!


Ripubblico un articolo che avevo scritto alcuni mesi fa ed è ancora in home page nel mio sito personale!

E’ di oggi l’ iniziativa di Legambiente Adria – Delta del Po di chiedere ai nostri amministratori di posizionare la bandiera del Tibet davanti al municipio per tutta la durata delle Olimpiadi di Pechino, successivamente pubblico anche un’ accorato appello di Nicola.

Mio post:

“…Immagina non ci siano paesi non e’ difficile, niente per cui uccidere e morire e nessuna religione immagina che tutti vivano la loro vita in pace…”

Ve le ricordate queste parole? sono tratte da Imagine, la canzone del secolo scritta da John Lennon, e sono attualissime ora come allora. Decine di guerre sono in atto in ogni angolo della terra, migliaia i morti tutti i giorni. E non solo, attentati e aggressioni, stupri e rapine nelle civilissime citta’ del mondo occidentale.

E’ possibile continuare la nostra vita facendo finta di niente? girare la testa dall’ altra parte tanto non ci tocca? guardare foto e video come mangiassimo un gelato? NO! non si puo’.

Tanto per rinfrescar la memoria, in Birmania non e’ mica cambiato niente e adesso il Tibet, tanto parlare, tutti ad indignarci, qualcuno ha anche proposto di boicottare le olimpiadi e invece, vedrete, ci saranno tutti, sfileranno come dei bravi scolaretti nel nuovo stadio presentato in questi giorni solo agli addetti ai lavori, per paura di nuove manifestazioni.

Nei TG si e’ parlato con enfasi del costo contenuto del nuovo impianto che ospitera’, oltre l’ inaugurazione dei giochi e la chiusura, anche le gare di atletica e la finale di calcio. Pensate, solo 250 milioni di dollari, fosse stato costruito in Europa sarebbe costato senza dubbio quattro volte di piu’, sfido io, la manodopera mica la pagano in Cina.

Del resto, volete mettere? un atleta che si accinge a partecipare ai giochi, si e’ allenato per quattro anni per l’ evento, cosa volete che sia se muore qualcuno e molti altri non godono di nessun diritto, nemmeno quello di respirare!

Sara’ che io sono un sognatore, come Lennon, e vorrei davvero vivere in pace.

Appello di Nicola:

Ciao Leonardo,
dal mio punto di vista non ci sono problemi, il fatto di mostrare la solidarietà in maniera aperta per i diritti calpestati dei Tibetani, che come lo stesso Dalai Lama in una intervista su Repubblica commenta “[...]

La cosa fondamentale è che nel nostro paese c’è un’insofferenza sempre maggiore e che qualsiasi manifestazione di protesta o critica alle autorità cinesi viene repressa con la violenza. Arresti e torture sono all’ordine del giorno. I tibetani vengono trattati come cittadini di seconda classe nel loro stesso paese. Anzi, come animali da bastonare, a cui è negata qualsiasi dignità[...]“.

La mia speranza e che questo segno di solidarietà, non venga interpretato come un voler “boicottare, o essere contro” le Olimpiadi. Sempre il Dalai Lama si è espresso contro il boicottaggio dell’avvenimento, sin dall’inizio ed apertamente.

Tirando le somme voglio rispettare le volontà di chi sta tentando in tutti modi di aprire, in maniera pacifica, uno spiraglio per portare al dialogo i due popoli.

Dico Sì se è un segno di solidarietà verso chi sta soffrendo, per far comprendere che vogliamo essere vicini al popolo oppresso.
Dico No se vuole essere un invito a non seguire la manifestazione sportiva e di conseguenza, un tentativo di boicottaggio.

So che ognuno la interpreterà alla sua maniera, ma a me importa il significato che vogliamo dare noi a questo gesto.

2 commenti a “Immagina che tutti vivano la loro vita in pace!”

Puoi lasciare un commento, sottoscrivere il feed RSS o inviare un trackback.

  1. Nicola il 26 lug 2008 alle 14:28 ha detto:

    Il fatto è questo, il mio “appello” era solo un voler inoltrare le volontà (da me condivise) del Dalai Lama.
    Ora come ora, è facile indignarci oggi del fatto che i diritti umanitari dei Tibetani, vengano calpestati!
    Lo è da quando è stato invaso il Tibet, ma solo oggi se ne fa un gran parlare. Vedo migliaia di blog, foto inviate via mail e posso dirvi che ne ho viste di disgustose. Come mai la gente ha cominciato solo ora ad indignarsi (ed in molti casi manifestare rabbia) verso il governo cinese? Se avesse cominciato prima a farlo (e parlo di anni prima), sia i cittadini che i media? se si fosse mossa quell’enorme mole di informazione ed indignazione prima, il Comitato Olimpico avrebbe optato per Pechino 2008?
    Quanti ancora si indignano per il Darfur e per gli altri paesi Africani dove la guerra civile ed il genocidio sono ancora nell’ordine del giorno? Aspettiamo che facciano le olimpiadi nella Repubblica democratica del Congo prima di indignarci? Muoversi prima e per tempo si può, cercare di fare circolare l’informazione possiamo, grazie a questi grandi strumenti preziosi di comunicazione che ogni giorno adoperiamo!
    Il boicottaggio delle olimpiadi ora come ora, è sbagliato, un tentare di rimediare troppo tardi ad una situazione dove, muovendoci prima avremo potuto magari fare qualcosa! Gli unici a pagare oggi il boicottaggio saranno i Tibetani, sarà il Dalai Lama (gia accusato di essere un separatista, quando ha sempre affermato di non volere l’indipendenza nazionale ma alla ricerca di una autonomia) per primo, in quanto simbolo a pagare il conto più salato di tutti.
    Continuiamo a fare informazione (mica in Italia ci mettono in carcere con l’accusa di esserci impossessati di segreti di stato), soprattutto non dimentichiamo mai, quello che sta succedendo nel mondo.
    Il problema del Tibet continuerà ad esistere anche dopo le olimpiadi!

    “…Immagina non ci siano paesi non e’ difficile, niente per cui uccidere e morire e nessuna religione immagina che tutti vivano la loro vita in pace…”

    Cominciamo a muoverci passo dopo passo, ed un domani, i nostri figli non dovranno immaginarlo, ma viverlo questo sogno…

    Posso suggerire alcuni link (spero che qualcuno possa aggiungerne degli altri)
    http://www.nigrizia.it
    http://www.asianews.it
    camminaredomandando.blogspot.com
    http://www.santegidio.org
    http://www.emergency.it
    http://www.medicisenzafrontiere.it
    http://www.worldforworld.org/ita/ita1.asp
    http://www.rsf.org
    http://www.ansa.it
    http://www.rainews24.it
    http://www.pensierolibero.eu

  2. leonardo il 26 lug 2008 alle 17:46 ha detto:

    grazie nicola per la tua puntualizzazione, sono in accordo,

    è arrivato il tempo per il Tbet, i fatti ed i media lo hanno voluto.
    legambiente di adria vuole dare sostegno alla causa dei diritti umani.
    si sa che in altre parti del mondo questi problemi sono anche peggiori, come si sa anche di altre emergenze per l’umanità che superano come importanza quelle dei diritti umani, ma oggi vogliamo sostenere il Tibet.
    forse, l’occasione delle olimpiadi è un riflettore che non ha confronto e perdere questa occasione non era giusto.
    forse bisognava parlare della situazione ambientale della Cina, del pericolo delle dighe per miglioni di persone, forse si doveva rappresentare questa olimpiade con i problemi legati alla catastrofe dell’inquinamento, ma oggi dedichiamo un pò di tempo al Tibet.
    fra tutte le medaglie d’oro sarà ricordata come l’olimpiade del Tibet.
    noi vogliamo dare il nostro piccolo segno, come lo daremo per altri popoli e altre situazioni anche peggiori. non credo sia per mettere in pace la nostra coscenza o per attaccarci qualche medaglia anche a noi stessi, ma è per credere all’uomo stesso alle sue possibilità. non bisogna perdere la speranza che luomo salvi se stesso.


La chiesa dell'Addolorata, una chiesa nel cuore di Galatina

Il venerdì, che precede la Domenica delle Palme è il giorno in..

Galatina

Badia Pavese!! Cittadini lamentano "GRU EDILE" libera sopra le proprie teste..

Infatti sentiti i CITTADINI di tale zona periferica di Badia in Via Monticelli o SP.53 lamentano di una "Gru" edile libera..

Pieve Porto Morone

Il polittico della Collegiata ritorna tra le polemiche: la riconoscenza non è di questo mondo

Somma Vesuviana. La Parrocchia di San Pietro ha deciso di effettuare la cerimonia di scoprimento del polittico “Madonna e Santi”, posto..

Somma Vesuviana

PROBLEMATICA ULIVI INFETTI DA XYLELLA FASTIDIOSA NEL SALENTO. La posizione dell'Ass. Naz/le Cav. d'Italia.

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CAVALIERI D'ITALIA - CONSIGLIO REGIONALE PUGLIA COMUNICATO STAMPA "Egregio dottor Silletti,Commissario Straordinario Emergenza "XYLELLA FASTIDIOSA", io sottoscritto cav. Giovanni Porcaro, presidente..

Oria

Licenza - Ipertrofia prostatica benigna: sintomi, cure e complicazioni.

Ipertrofia prostatica benigna: sintomi, cure e complicazioni Come riconoscere l’insorgere dell’ipertrofia prostatica benigna? Ne abbiamo parlato con il Prof. Pasquale Martino dell’Urologia universitaria Policlinico di Bari: “Disturbi minzionali, difficoltà ad urinare,..

Licenza

Murlo: due scrittori senesi terzi al premio letterario Val di Vara

Sono due senesi gli autori che si sono aggiudicati il terzo premio assoluto per la Narrativa inedita per la loro opera al

Murlo

E pur si muove...

L’immobilismo, si sa, è la tendenza a conservare lo stato di cose esistente, opponendosi a ogni cambiamento. Qualcuno ha detto che Cetona soffre di questa sindrome, anzi, lo si percepisce parlando..

Cetona

A tavola col la Fata Moena

“A Tavola con la Fata delle Dolomiti‘, la rassegna gastronomica più nota in ambito dolomitico festeggia la ventesima edizione. Da domenica..

Moena

A cittadine e cittadini di CESENATICO:

Mercoledì prossimo, 11 marzo 2015, alle 20:45 al Bar Duse (piazzale Comandini - due passi dal grattacielo e dal portocanale, sul prosieguo di via Leonardo da Vincia) riunione settimanale dei..

Cesenatico

SERIE B, AVELLINO -BARI 2-0

Avellino-Bari 2-0: Gli irpini volano al terzo posto, biancorossi ko 07/03/2015 - 22.12 - Nel posticipo delle 18, l'Avellino batte meritatamente il Bari e si porta a sole due lunghezze dal..

Flumeri
Previsioni meteo per la tua città

I più commentati della settimana

  • None found

Prossimi eventi in città

Locali di Adria